News e iniziative

Pagina precedente

07 aprile 2019

Premio Argan, la cerimonia di consegna a Hidenobu Jinnai

Premio Argan, la cerimonia di consegna a Hidenobu Jinnai

PREMIO ARGAN - QUARTA EDIZIONE
ALL'ARCHITETTO GIAPPONESE HIDENOBU JINNAI IL PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO
CONCLUSA A GUBBIO LA CERIMONIA DI CONFERIMENTO

"PER L'ECCELLENZA DEL CONTIBUTO DATO ALL'AVANZAMENTO DELLE CONOSCENZE E DELLE PRATICHE PER LA CONSERVAZIONE ATTIVA DEI CENTRI STORICI" questa la motivazione del conferimento del Premio Argan all'architetto giapponese Hidenobu Jinnai.
La Targa d'Onore è stata consegnata da Filippo Mario Stirati, presidente ANCSA e Sindaco di Gubbio nel corso di una cerimonia nella splendida Sala Trecentesca del Palazzo Pretorio di Gubbio.

"Unico. Questo l'aggettivo che più si addice al ruolo ed al lavoro svolto da Hidenobu Jinnai nel corso della sua lunghissima carriera " così il professor Franco Mancuso, Coordinatore del Comitato Scientifico ANCSA. "Pensando a Jinnai ed al suo costante dialogo tra due nazioni e culture, ho spesso utilizzato l'immagine di un ponte le cui due fondamenta sono l'Italia e il Giappone e più in particolare le città di Venezia e di Tokio. Partito dalla capitale del Giappone per l'Italia il giovane studente Jinnai ha compiuto a Venezia i suoi studi portandone i risultati in patria, dove ha iniziato a "scavare" sulla città e sulle realtà giapponesi, riportando in Italia i risultati del suo lavoro. Qui ha avuto altre occasioni e spunti di riflessione che si sono concretizzati in convegni e seminari in Giappone, dove ha portato anche una mostra sulle piazze del Veneto,. Tornato nuovamente in Italia ha lavorato sulle realtà rurali e sull'abitare in campagna, portando poi le risultanze di questi studi in Giappone".

"Il Premio Argan - ha illustrato la vice presidente dell'Ancsa Paola Falini - è stato istituito nel 2006 in memoria del grande storico dell'arte Giulio Carlo Argan che fu anche presidente dell'ANCSA e viene consegnato alle personalità che hanno offerto un contributo fondamentale all'evoluzione del pensiero scientifico e culturale nell'ambito degli studi architettonici e paesaggistici".

"Valorizzando la mia esperienza di Venezia circondata dall'acqua nel corso delle mie ricerche su Tokyo dal punto di vista di città d'acqua, l'interesse si è allargato alla storia dell'ambiente (eco-history) giungendo a formulare il concetto di suitogaku o "teoria per lo studio delle città dell'acqua". Questi alcuni estratti dalla lectio magistralis "Città e territori ereditati. Principi e metodi della valorizzazione in Giappone e in Italia" tenuta dal professor Hidenobu Jinnai. "Con questo approccio di antropologia spaziale che include l'interesse per l'acqua ho effettuato ulteriori indagini in altre aree rurali italiane come la Sardegna dove importantissima era l'esistenza di pozzi sacri d'epoca nuragica. Successivamente ho approfondito lo studio del territorio e del paesaggio in Italia in Val d'Orcia e in Giappone a Hino nei pressi di Tokyo. Studi proseguiti nel Laboratorio Jinnai da me istituito all'Università di Tokyo, effettuando valutazioni dal punto di vista della geo-socio-morfologia considerando la struttura del territorio e analizzando la struttura spaziale dei centri storici italiani e dei centri minori dal punto di vista edilizio e del tessuto urbano. Proseguendo in questo modo tramite ricerche comparate in Italia e Giappone è stato possibile rideterminare il valore di città e territori quasi del tutto dimenticati dalla modernizzazione e industrializzazione e ideare metodi validi per rivitalizzarli e trasmetterli. Esiti che sollecitano il mio impegno a proseguire. In futuro desidero approfondire ulteriormente gli scambi con gli esperti e le Istituzioni italiane e continuare a sviluppare ricerche congiunte in questo campo così importante e decisivo per entrambi i nostri Paesi".
Significativa la presenza alla cerimonia anche dell'architetto Alessandra Vittorini Sovrintendente archeologia, belle arti e paesaggio per L'Aquila e il cratere che ha portato un saluto ricordando che stanotte cadono i dieci anni dal terribile terremoto che distrusse la zona e fece centinaia di morti.

Hidenobu Jinnai è nato a Fukuoka nel 1947; nel 1971 si è laureato ed ha conseguito un master all?università di Tokyo. Successivamente ha deciso di fare una prima esperienza in Italia dove ha frequentato corsi di Architettura a Venezia dal 1973 al 1975 e a Roma, presso l?ICCROM, nel 1976, avviando una lettura delle città esistenti funzionale e fondamentale per il progetto architettonico e urbano. La sua attività di ricercatore si è sostanziata in numerose pubblicazioni e nella partecipazione progetti e a convegni internazionali, impostando una metodologia di conoscenza delle città orientali fondata sui principi della ricerca storica che hanno preso forma nel nostro Paese.
All?interno del suo libro "Tokyo a spatial anthropology" (1985) ha più volte sottolineato i legami e le analogie fra alcune città italiane e la metropoli di Tokyo.
Nel 2002 è stato insignito del titolo di Ufficiale al merito della Repubblica Italiana, mentre nel 2007 ha ricevuto la Laurea honoris causa in Architettura dell'Università La Sapienza di Roma. Nel settembre 2010 ha partecipato al convegno organizzato dall'ANCSA in occasione del cinquantesimo anniversario della Carta di Gubbio, con una conferenza sul tema Tramandare l'eredità storica della città giapponese.

 facebooktwitteryoutube