News e iniziative

Pagina precedente

10 novembre 2015

Centri storici, lettera aperta al Presidente del Consiglio

Centri storici, lettera aperta al Presidente del Consiglio

Il presidente dell'Ancsa Francesco Bandarin ha inviato una lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi per avviare una discussione comune sulle iniziative e sulle politiche necessarie per preservare il patrimonio urbano.


Questo il testo della lettera:


Le città storiche italiane affrontano oggi una fase complessa di mutamento, dovuta alle trasformazioni della composizione sociale, alla riduzione della residenzialità, alla perdita di attività produttive e artigianali, alla crisi del commercio minuto, allo sviluppo del turismo interno e internazionale.

Questi processi comportano dei rischi per la conservazione del patrimonio urbano e della struttura sociale delle città e richiedono la definizione di politiche di intervento a livello nazionale e locale in grado di assicurare la tutela fisica, la conservazione dei valori culturali e la rigenerazione sociale ed economica delle città storiche, nell'ambito di politiche di sviluppo urbano equilibrato.

I processi globali in atto, con l'aumento esponenziale del turismo e le trasformazioni sociali ed economiche, aprono nuove sfide alla conservazione delle città storiche. Si tratta di un tema che interessa l'intera comunità nazionale e internazionale, che considerano questi beni come patrimonio comune e intendono valorizzarli e conservarli per le future generazioni.

Una nuova visione e una nuova politica per la conservazione e la rigenerazione delle città storiche è oggi necessaria.

L'ANCSA fa appello al Presidente del Consiglio dei Ministri e a tutte le forze e le istituzioni culturali impegnate nella difesa del patrimonio per l'avvio di una riflessione comune sulle iniziative e sulle politiche necessarie per preservare il patrimonio urbano, in linea con la nuova Agenda urbana europea e con il ciclo di programmazione dei Fondi Strutturali 2014-2020.

Il Governo, le Regioni e le Città costituiscono gli interlocutori principali per l'avvio di questa riflessione e per la definizione di un quadro di azioni coerenti per la conservazione e la rigenerazione delle città storiche.

Le città e i siti appartenenti alla Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO possono costituire i modelli su cui sperimentare e promuovere le politiche di conservazione e rigenerazione, con una visione fondata sulla tutela delle strutture sociali e su uno sviluppo economico basato sulla compatibilità degli usi e sulla sostenibilità.

Gli elementi principali per la conservazione e rigenerazione delle città storiche sono:

1. La definizione di politiche sostenibili per il turismo, in modo da evitare fenomeni di svuotamento e trasformazione delle città storiche in aree commerciali prive della loro struttura sociale.
2. La definizione di nuovi strumenti di sostegno alla conservazione e rigenerazione del patrimonio urbano, che coinvolgano gli operatori privati e il turismo, al fine di contribuire alla sostenibilità economica.
3. Il sostegno alla residenzialità nelle città storiche per il mantenimento e il ripristino del loro equilibrio economico e sociale.
4. La promozione e il sostegno alle attività economiche e produttive compatibili con i tessuti storici, in particolare alle attività legate alla cultura e alle industrie creative.

A questi fini, l'ANCSA propone la creazione di un Osservatorio Nazionale sulle Città Storiche, con il ruolo di analizzare i processi di trasformazione e di orientare le politiche a livello centrale e locale.


Foto Flickr.com

 facebooktwitteryoutube