Progetti e accordi internazionali

Numerosi sono gli accordi con enti e istituzioni internazionali finalizzati alla cooperazione in materia di centri storici. In particolare, l'ANCSA ha attivato una serie di convenzioni per operare nell'ambito dei paesi dell'America Latina.

L'esigenza di aprire un confronto a livello internazionale sui centri storici deriva dalla consapevolezza che i loro problemi sono direttamente correlati con le modalità dello sviluppo urbano che hanno investito aree nelle quali nei secoli scorsi si sono consolidati insediamenti caratterizzati da uno stretto rapporto con l'ambiente circostante.
I fenomeni dell'urbanesimo e le modalità di sfruttamento delle risorse territoriali hanno caratterizzato uno sviluppo delle città nelle quali si è perso progressivamente il rapporto fra i centri storici e il contesto urbano e territoriale ad essi contiguo, mentre i mutamenti d'uso e di abitanti dei centri storici, il degrado delle abitazioni, il progressivo invecchiamento della popolazione, l'obsolescenza dei sistemi infrastrutturali e per la mobilità, le modalità di riuso dei vuoti urbani, sono emersi come temi comuni sui quali risulta ineludibile un confronto ed un bilancio delle esperienze che negli ultimi decenni hanno preso corpo nei diversi contesti politici, sociali e culturali.

Scarica le Raccomandazioni per lo Sviluppo delle Politiche per i Centri Storici, sintesi delle riflessioni svolte fra il 2008 e il 2010 dall'Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici (Italia), dalla Dirección General Casco Histórico de la Ciudad Autónoma de Buenos Aires (Argentina) e dalla Oficina del Historiador de la Ciudad de La Habana (Cuba) circa le modalità di gestione dei centri storici messe in atto in città italiane, spagnole, latino-americane e del Caribe.

 

 facebooktwitteryoutube