1960

QUADRO GENERALE

Cade il Governo Tambroni, gli succede un monocolore DC guidato da Fanfani.

Olimpiadi di Roma.

Procede la costruzione dell'Autostrada del Sole.

ANCSA

Gubbio (17, 18 e 19 settembre): Convegno Nazionale promosso da un gruppo di architetti, urbanisti, giuristi, studiosi di restauro, e dai rappresentanti dei comuni di Ascoli Piceno, Bergamo, Erice, Ferrara, Genova, Gubbio, Perugia, Venezia, dal titolo: Salvaguardia e risanamento dei centri storico-artistici; esito del Convegno è la Carta di Gubbio. Il Convegno di Gubbio e promosso per iniziativa di G. Astengo, che sta lavorando al PRG della città umbra; in questa occasione, la cultura degli urbanisti fa esplicitamente proprio il tema dei centri storici. Le relazioni sono svolte da: G. Samonà, A. Cederna, M. Manieri Elia, G. Badano, D. Rodella, E.R. Trincanato, G. Romano, L. Belgiojoso, E. Caracciolo, P. Bottoni. La Carta di Gubbio è una dichiarazione di principi sulla salvaguardia ed il risanamento dei centri storici che riconosce l'importanza nazionale della questione: sottolineando l'essenzialità delle specifiche condizioni locali, ritiene di estrema urgenza il procedere ad una ricognizione e classificazione dei centri storici e delle zone da salvaguardare e risanare, e giudica assolutamente necessario che essi siano inseriti nei Piani Regolatori generali, poiché la loro salvaguardia e da considerarsi "premessa allo stesso sviluppo della città moderna". La Carta invoca l'immediata disposizione di vincoli di salvaguardia e la sospensione di ogni intervento edificatorio, in attesa della predisposizione dei necessari Piani di risanamento conservativo: essi vengono intesi come speciali piani particolareggiati di iniziativa pubblica, di cui un'apposita, urgente, legge generale dovrà stabilire caratteri e procedure; la legge dovrà anche definire criteri e finanziamenti per il censimento dei centri storici e prevedere, tra gli operatori del risanamento, gli Enti per l'edilizia sovvenzionata; sul piano delle modalità operative, la Carta "rifiuta i criteri del ripristino e delle aggiunte stilistiche, del rifacimento mimetico, della "demolizione" di edifici anche modesti, non ammette diradamenti del tessuto, isolamento di monumenti, nuovi inserimenti in ambiente antico.

DIBATTITO

8° congresso INU "Il codice dell'urbanistica" (Roma, 16/18 dicembre).

Gli atti sono pubblicati nel n. 33 di Urbanistica.

Urbanistica n. 32 numero monografico sulla questione dei centri storici: contiene gli atti del convegno di Gubbio.

Casabella n. 236: L. Benevolo, Continuità e conservazione. L. Quaroni, L'avvenire della città.


 

 

 facebooktwitteryoutube