1971

QUADRO GENERALE

Istituzione delle Regioni.

Governo quadripartitio di centro-destra presieduto da G. Andreotti.

Terremoto ad Ancona.

Delega alle Regioni delle competenze in materia di urbanistica e di edilizia abitativa; si istituiscono i Consigli di Zona.

L. 2.12.1972 n. 734 (legge speciale per Ancona)

Circ. Min. n. 117 del 6.41972: prescrizione normativa per le Sopaintendenze nota come Carta del Restauro assimila alle opere d'arte meritevoli di tutela "i complesasi di edifici di interesse monumentale, storico o ambientale, particolarmente i centri storici".

ANCSA

Convegno delle Regioni-ANCSA (Genova, 7/8 luglio): Salvaguardia e rivitalizzazione dei centri storici nel quadro della programmazione e pianificazione urbana e regionale

Il convegno nasce a seguito di una proposta ANCSA alle Regioni, per l'istituzione di un ufficio per i centri storici e la promozione di adeguati strumenti legislativi; l'iniziativa ha lo scopo di discutere criteri metodologici ed operativi comuni, e consolida i rapporti tra l'ente pubblico e l'ANCSA. Il Convegno si apre con una Relazione di base, a cura di B. Gabrielli e L. Seassaro, che propone tra l'altro un'articolata ipotesi di Centro di documentazione sull'intervento nei centri storici. Nel corso del convegno, vengono valutate le possibilità di utilizzo degli strumenti legislativi vigenti: il giurista A. Predieri fornisce una interpretazione della legge 865/71 che estende l'esproprio per pubblica utilità alle aree e agli edifici degradati dei centri storici, considerando la residenza popolare come un servizio pubblico a tutti gli effetti.

DIBATTITO

Studi per il Piano Particolareggiato per il Risanamento conservativo dei Borghi Storici di Bergamo (M. Coppa).

Arriccia, 13° congresso INU: Lo sfruttamento capitalistico del territorio.

Genova, Convegno delle Regioni con la partecipazione dell'ANCSA.

Il giurista A. Predieri propone un'interpretazione estensiva delle leggi n. 167/62 e 865/71 (art. 55) , che comprende nel concetto di pubblica utilità l'edilizia popolare, possibilità di esproprio e di inserimento nei PEEP dell'edilizia degradata. La GesCal delibera un programma di ricerca pilota, che interessa undici città, investendo 28 miliardi.

M. Achilli, Casa, vertenza di massa.

F. Indovina (a cura di), Lo spreco edilizio

 facebooktwitteryoutube