Il premio gubbio Sezione Latino Americana 2015

L’Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici (ANCSA) e il Comune di Gubbio bandiscono il “Premio Gubbio 2015”. Il Premio intende promuovere un concreto avanzamento nelle modalità di intervento sulla città e sul territorio storico; esso è rivolto agli enti pubblici, agli operatori privati e alle Università, anche al fine di diffondere l’attenzione alle pratiche connesse alla missione storica dell’ANCSA. In questa prospettiva, nella valutazione degli elaborati sarà tenuta in particolare considerazione la capacità di interpretare in modo appropriato ed efficace gli orientamenti culturali e operativi dell’ANCSA sulla conservazione attiva e la rigenerazione del patrimonio storico-culturale delle città e del paesaggio, e in particolare: – una progettazione appropriata, capace di integrare conservazione e innovazione nell’ambito del riuso fisico, sociale, culturale ed economico del patrimonio edilizio e territoriale esistente; – un’integrazione efficace tra le previsioni urbanistiche e la progettazione architettonica; – una gestione economica e sociale degli interventi atta ad assicurare l’efficacia ai fini della tutela e valorizzazione del patrimonio storico-culturale.

 

Il “Premio Gubbio 2015” è articolato nelle seguenti sezioni:

  1. Premio Nazionale: aperto a enti pubblici e operatori privati promotori e/o esecutori di interventi realizzati, e/o di piani e programmi attivati in Italia (approvati, adottati, o legittimati con provvedimenti analoghi), successivamente al 1° gennaio 2010;
  2. Premio Europeo: aperto a enti pubblici e operatori privati promotori e/o esecutori di interventi realizzati e di piani e programmi attivati in Paesi europei (ad eccezione dell’Italia, approvati, adottati, o legittimati con provvedimenti analoghi), successivamente al 1°gennaio 2010.
  3. Premio Nazionale per Tesi di Laurea Magistrale o Quinquennale, Dottorato di Ricerca o altri percorsi formativi Post-Laurea Magistrale: aperto a coloro che abbiano conseguito il titolo successivamente al 1° gennaio 2010, e che abbiano approfondito con contributi innovativi e originali il tema dell’intervento sulla città, sul territorio storico e sul paesaggio in forma di progetto oppure di ricerca analitica e/o teorica.

 Venerdì 2 ore 19 in Palazzo dei Consoli, Sala Arengo, verrà inoltre inaugurata la mostra Vivere la città-Il premio Gubbio 2015.


NB: a differenza di quanto indicato nel programma completo delle iniziative, la conferenza stampa di presentazione dei Premi avrà luogo presso la sede della Regione Umbria, Palazzo Donini – Sala Fiume, corso Vannucci, Perugia e non più presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. L’orario rimane invariato.


RELAZIONI DELLE COMMISSIONI GIUDICATRICI E MOTIVAZIONI DEI PREMI E DELLE MENZIONI
Istituito congiuntamente dalla Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici (ANCSA), dalla Oficina del Historiador de la Ciudad de La Habana (OHCH), dalla Dirección General del Casco Històrico de la Ciudad de Buenos Aires (DGCH) e dal Centro Internacional para la Conservación del Patrimonio (CICOP Argentina), il Premio Gubbio – Sezione America Latina e Caribe si propone di individuare, promuovere e valorizzare le esperienze di riqualificazione delle città esistenti nell’ambito latinoamericano, in particolare nelle loro parti, edificate e non, che ne caratterizzano l’identità e il paesaggio. I tempi di svolgimento dell’edizione 2015 del Premio sono stati contenuti nell’arco dell’anno 2014, per consentire in via straordinaria la presenza della documentazione relativa all’intervento vincitore nella città di Bergamo dove, nel quadro dell’Expo 2015 è stata realizzata dall’ANCSA la mostra “Vivere la Città”.
In questa quarta edizione il Premio ha ottenuto un risultato assai soddisfacente: vi sono stati presentati ventitré lavori, provenienti da dieci Paesi, nella maggior parte dei casi caratterizzati da un elevato livello qualitativo e coerenti con le tematiche del Premio. I Paesi partecipanti sono: Cile con quattro interventi; Uruguay, Messico, Colombia e Argentina con tre interventi; Cuba e Brasile con due interventi; Perù, Ecuador e Bolivia con un intervento.
Il giorno 24 novembre 2014 la Giuria composta da Stefano Storchi (ANCSA), Fabrizio Toppetti (ANCSA), Patricia Rodríguez Alomá (OHCH), Luis J. Grossman (DGCH), Jorge N. Bozzano (CICOP Argentina), ha selezionato i lavori più significativi fra quelli presentati, tenendo in considerazione, come peraltro nelle precedenti edizioni, in modo particolare:

  • l’integrazione fra la scala urbana e la scala architettonica, a fronte di interventi su beni di elevato valore patrimoniale;
  • la capacità di innovazione nelle esperienze di riqualificazione urbana;
  • i risvolti sociali, economici e culturali degli interventi;
  • l’idea di recupero attivo dei beni patrimoniali, e la capacità di conservarne il significato storico;
  • il valore strategico degli interventi attuati, che ne permetta successive implementazioni.

In base a tali criteri, e sulla base di un approfondito confronto fra le proposte pervenute, la Giuria, all’unanimità, ha stabilito di assegnare il Premio Gubbio 2015 – Sezione America Latina e Caribe a “Mercado Agrícola di Montevideo” (Uruguay). Ha deciso altresì di assegnare sei menzioni a: “Rivitalizzazione del centro storico di Bogotà” (Colombia), “Teatro Martí De La Habana” (Cuba), “Catedral De Pereyra” (Colombia), “Profética, casa di lectura, Puebla” (Mèxico), “Programma priorità pedonale / area centrale, centro storico di Buenos Aires” (Argentina), “Monasterio de Carmen Alto, Quito” (Ecuador). Ha infine segnalato: 50 Cappelle temporanee a Santiago (Chile), il restauro delle carrozze originali della Linea A della metropolitana di Buenos Aires (Argentina), la valorizzazione dei giardini tutelati di Pampulha, Belo Horizonte (Brasile). A conclusione dei suoi lavori la Giuria ha voluto formulare alcuni suggerimenti relativamente a due progetti ritenuti di particolare interesse, peraltro non ancora maturi ai fini del riconoscimento del Premio:

  • il Campidoglio Nazionale de La Habana (Cuba), suggerendo che questo progetto venga presentato allorché sia stata realizzata una parte significativa dell’intervento; si tratta di un’opera straordinaria, relativa a un edificio fortemente simbolico dotato di un valore eccezionale, che rappresenterà un importante fattore dinamico per lo sviluppo del suo contesto urbano;
  • il Monastero di Santa Catalina, Arequipa (Perú), che rappresenta un singolare esempio di intervento fondato sulla realizzazione nel corso del tempo di operazioni puntuali; si caratterizza come progetto di largo respiro, che richiede assoluta continuità; ma non vi si coglie il modo in cui gli interventi si integrino all’interno di un piano più ampio.

 

PREMIO
Mercado Agrícola di Montevideo

(Uruguay)

Motivazione
I pregi formali del progetto di restauro si abbinano a un intervento di carattere urbano e sociale promosso dalla Municipalità di Montevideo per la rivitalizzazione dell’intero quartiere di Goes, posto nel cuore della città.
Si tratta infatti di un progetto strategico che interviene al suo interno riproponendo la presenza di un elemento focale di aggregazione che certamente sarà fautore di sviluppo e benessere su scala urbana.
L’operazione affronta le diverse scale del progetto: sia quella urbana che quella architettonica, fino ad addentrarsi nel particolare costruttivo.
Lo spazio interno del “Mercado Agricola” si fonde alla perfezione con le aree antistanti, manifestando una grande coerenza fra i diversi interventi messi in atto.

 

MENZIONE D’ONORE
Rivitalizzazione del centro storico di Bogotà
(Colombia)
Motivazione
Si tratta di un piano innovativo che coinvolge i diversi settori del centro storico, mediante proposte basate su diversi approcci tematici quali: il recupero patrimoniale, ambientale, abitativo e il rafforzamento delle risorse culturali intrinseche al tessuto storico, intesi come motori di sviluppo locale.
Il piano si articola attraverso interventi tesi a perseguire una propria coerenza spaziale e a garantire alle aree interessate una mobilità sostenibile; esso comprende interventi già attuati, assieme ad altri in corso di realizzazione o di prospettiva futura.

 

MENZIONE D’ONORE
Teatro José Martí a La Habana
(Cuba)
Motivazione
Si tratta dell’accurato restauro di uno dei teatri più significativi della città de La Habana, nel quale, senza alterarne la struttura storica, sono stati inseriti elementi tecnologici necessari al funzionamento di un moderno teatro e un nuovo volume che si affianca al teatro storico in maniera armonica. Si segnala l’importanza di aver riportato alla funzione originale un luogo emblematico per l’immaginario e per l’orgoglio dei cittadini de La Habana.

 

MENZIONE D’ONORE
Catedral de Pereyr
(Colombia)
Motivazione
Profondamente danneggiata da un evento sismico, è stata oggetto di un restauro di grande forza espressiva, concepito in piena coerenza con le condizioni geologiche dell’area. Vi sono stati utilizzati elementi costruttivi tradizionali, adattandoli da un linguaggio contemporaneo, evidenziando il contrasto fra la solidità della parte basamentale e la struttura lignea ad essa sovrapposta che dà vita a una forma geometrica in grado di assicurare la stabilità dell’insieme. Al tempo stesso il contesto esterno è stato trattato come parte di un unico insieme progettuale.

 

MENZIONE D’ONORE
Profética, Biblioteca a Puebla
(Messico)
Motivazione
Con la Biblioteca di Puebla si recupera un edificio in condizione di forte degrado, attraverso un intervento che riqualifica sia la struttura antica, sia la parte contemporanea.
Entrambi i linguaggi si esprimono in modo sincero, raggiungendo una delicata armonia. Si evidenzia nel progetto una piena coerenza rispetto alla destinazione dell’edificio a uso pubblico, al servizio della cultura e del sapere.

 

MENZIONE D’ONORE
Programma di priorità pedonale nel centro storico di Buenos Aires
(Argentina)
Motivazione
Il Programma Priorità Pedonale della città di Buenos Aires si propone di subordinare l’uso dell’automobile alla presenza del cittadino. In questo senso la superficie stradale, sistemata ad un livello omogeneo, facilita l’accesibilità e la visibilità del contesto architettonico. Si segnala come si siano conservati elementi preesistenti, come i cordoli in granito che riprendono l’andamento dei marciapiedi tradizionali.
L’intervento contribuisce positivamente al recupero dello spazio pubblico nelle sue diverse forme e funzioni.

 

MENZIONE D’ONORE
Monastero del Carmen Alto a Quito
(Ecuador)
Motivazione
L’intervento nel Monastero del Carmen Alto a Quito intende trasformarne la struttura in un museo, conservando solo una parte del convento alla funzione religiosa e concependo un intervento di restauro che modifica in parte gli usi preesistenti. L’azione restaurativa utilizza tecniche tradizionali, rispettando l’assetto originario dell’edificio. La presenza di un gruppo di lavoro multidisciplinare permetterà di sviluppare un approccio integrato ai temi della conservazione e del riuso.

 

SEGNALAZIONI
La proposta delle 50 Cappelle temporanee, realizzate per la città di Santiago del Chile (Cile), che introduce una innovazione metodologica che facilita l’intervento sul patrimonio danneggiato dal sisma. Restituisce dignità all’effimero e offre la possibilità di affrontare l’emergenza fornendo risposta a una domanda sociale ineludibile, pur all’interno di una situazione drammatica, dando così tempo necessario alla realizzazione degli interventi sugli edifici danneggiati Il restauro delle carrozze originali della Linea A della metropolitana di Buenos Aires (Argentina) che rappresenta per molti aspetti una proposta interessante. Sarebbe peraltro auspicabile che questi mezzi circolassero periodicamente nella città permettendo di vivere l’esperienza del riuso a più di un secolo di distanza dalla loro entrata in funzione.
La valorizzazione dei giardini tutelati di Pampulha, Belo Horizonte (Brasile): è parte di un sistema architettonico e paesaggistico di grande rilievo, che collega idealmente l’approccio di due maestri del movimento moderno nella progettazione architettonica e paesaggistica: Oscar Niemayer e Roberto Burle Marx. La Giuria segnala questo intervento che applica le forme del restauro al patrimonio moderno.

 

BANDO

Download Bando:
Bando in italiano
Bando in inglese


Download format delle tavole:
PREMIO GUBBIO 2015_ISTRUZIONI MONT. TAVOLE

 

Download premiati:
Il programma: Il programma completo delle manifestazioni relative al premio Gubbio e al premio Argan 2015 (Gubbio 2-3 ottobre)
I premiati: Elenco dei vincitori e dei segnalati nell’ambito delle tre sezioni del premio Gubbio 2015 Relazione delle giurie del Premio Gubbio 2015: La relazione finale delle commissioni giudicatrici del Premio Gubbio, con elenco dei premiati e relative motivazioni, può essere scaricata qui in formato pdf